Via Puccini, 41-73040 Supersano(LE)


Tel.: 0833-631074


email: leic8ah00q@istruzione.it            PEC: leic8ah00q@pec.istruzione.it


90018450750

 

UFPDU5

ISTITUTO COMPRENSIVO BOTRUGNO, NOCIGLIA, SAN CASSIANO, SUPERSANO

 

 

Istituto Comprensivo Botrugno, Nociglia, San Cassiano e Supersano

Via Puccini n° 41 – C. A. P. 73040 Supersano (LECCE)

Sito Web: www.comprensivobotrugnonocigliasancassianosupersano.gov.it

Tel-Fax: 0833/631074-366/9084850                 E-mail:LEIC8AH00Q@istruzione.it

Codice fiscale: 90018450750                                                                   Codice meccanografico: LEIC8AH00Q

leic8ah00q@pec.istruzione.it

UFPDU5

                                                                                

"Riflessioni Domenicali"

VIDEO N°1    Alex Cornazzoli-docente- risponde alle domande di Tiberio Timperi 

-... il voto numerico è davvero il migliore dei modi per premiare e/o stimolare i nostri ragazzi?

- Quali le migliori strategie per recuperare una insufficienza?

- Aiutare chi sta indietro non si rischia di rallentare la corsa dei più bravi? 

VIDEO N°2  dalla voce dei genitori... 

-Qual è la reazione dei genitori dinanzi una prestazione scolastica insufficiente? 

- ...cooperazione o competizione?

- è importante agli alunni insegnare l'autovalutazione?

- e' giusto il confronto di schede fra alunni?

"Riflessioni Domenicali" di Umberto Galimberti 

            Evitiamo che i giovani si sentano stranieri nella propria vita                             

        clicca sull'articolo  Orizzonte Scuola                                  

                  

            

                            Via il voto del comportamento nella Scuola Secondaria di I grado                                                    Spazio al giudizio e alle sole Rubriche                                       

Il nostro Istituto ha anticipato di un anno il nuovo Decreto del MIUR           

Quando si lavora con serietà ed etica professionale, avendo come unico obiettivo il bene dei ragazzi, i risultati prima o poi giungono, ripagando delle fatiche i docenti che con spirito di servizio pongono il loro impegno al servizio della Scuola.

E’ quello che è accaduto nel nostro Istituto che, con la messa a punto delle rubriche valutative sul comportamento, collegate a voti ponderati di processo, che tutti gli alunni della secondaria hanno avuto lo scorso anno scolastico, ha di fatto anticipato la nuova normativa in materia, dimostrando grande lungimiranza ed articolata conoscenza del settore in questione.

Quest’anno ci basterà eliminare il voto nelle rubriche e siamo pronti per ottemperare alla nuova normativa!

Il Decreto Legislativo 62 del 13 aprile 2017 ha apportato infatti ...(continua )
 
 

COMUNICATO STAMPA

29 Settembre 2017                  “leAli per volare” 

GIORNATA DI PRESENTAZIONE dellaReteTerritoriale per la Prevenzione e il Contrasto al Bullismo e al Cyberbullismo Domenica Primo Ottobre 2017

a partire dalle ore 9,30 in P.zza Indipendenza - Botrugno

La Rete Territoriale per la Prevenzione ed il Contrasto al Bullismo e al Cyberbullismo, costituitasi  formalmente da poco tempo sul territorio di Botrugno, Nociglia, San Cassiano e Supersano, riunisce  in  un'unica azione sinergica ben nove soggetti istituzionali

con il chiaro obiettivo di agirefattivamente per prevenire e contrastare tali fenomeni attraverso la promozione di una sana relazione educativa.L’iniziativa di domenica 1 Ottobre sarà l’occasione per riflettere insieme sulla sfida sociale del Bullismo, grazie alle testimonianze dei partner della Rete, per conoscere più da vicino i progetti e le iniziative, e toccare con mano il contributo offerto dagli alunni dell’Istituto attraverso i laboratori creativi predisposti per  l’iniziativa. Inoltre sarà visitabile la Mostra degli elaborati realizzati nell’ambito del concorso creativo per la scelta del logo della Rete territoriale.Ospite d’onore della giornata: don Antonio Coluccia, fondatore “Opera Don Giustino” onlus, sacerdote sotto scorta per le minacce ricevute dalla banda della Magliana, noto per il suo impegno sociale e la promozione della legalità soprattutto tra igiovani.

L’Istituto Comprensivo sin dal lontano 2012 è in prima linea su questi temi, (continua...)

 

 

 

Manifestazione di Presentazione della RETE TERRITORIALE per la Prevenzione e il Contrasto al Bullismo e al CYberbullismo        clicca su foto    e         video    

 

                                Art. Quotidiano di Lecce-1°Ottobre 2107 

 

 

logo manifestzioneRETE

...è con grande gioia e soddisfazione che Vi invitiamo a partecipare all’evento 

“leAli per volare” , 

Giornata di Presentazione della  RETE TERRITORIALE

per la PREVENZIONE ed il  CONTRASTO al BULLISMO e al  CYBERBULLISMO continua..

 

 

 

Scuola Aperta anche d'estate- Ringraziamenti-

Se la Scuola resterà aperta per tutta l'Estate dobbiamo dire grazie alla RETE "Spazio Supersano", coordinata dal genitore Luigi Maglie nell'ambito del Protocollo d'Intesa contro il bullismo messo a punto dal nostro Consiglio d'Istituto.

Un grazie particolare alle docenti Caterina Corrado, Maria Bondanese, Lina Manganello, all'avv. Lucia Brocca, al dott. Giorgio Galati e al dirigente Scolastico Bruno Contini, che volontariamente hanno messo a disposizione dei nostri ragazzi le loro competenze.

La Scuola cresce quando la Comunità tutta fa rete.

Grazie a tutti.                                                          La Dirigente Scolastica prof.ssa Caterina Rosaria SCARASCIA

 

  art. Quotidiano del 20-07-2017 "Succede d'Estate" Rete Territoriale- 

Spazio Supersano-

 

 

COMUNICATO STAMPA  9 giugno 2017

I NOSTRI RAGAZZI CONTINUANO A NON ESSERE UN NUMERO!

Restano Rubriche Valutative e voti collegati

 

Ad avvenuta conclusione della tanto “sbandierata” indagine eseguita dagli Ispettori dell’USR Puglia in merito alla “famosa” questione del “voto di comportamento” degli alunni della Secondaria di I Grado del Comprensivo di Botrugno, Nociglia, San Cassiano e Supersano ed in considerazione degli articoli apparsi sulla stampa locale nelle giornate del 7/8 giugno u.s., conditi di dichiarazioni scorrette e fuorvianti, la sottoscritta ritiene doveroso informare che la SCELTA VALUTATIVA DELL’ISTITUTO, ampiamente illustrata nel PTOF, che coniuga LEGALITA’ e VISIONE PEDAGOGICA, NON E’ STATA AFFATTO “BOCCIATA”, come si afferma subdolamente da più parti.

Tutt’altro, la decisione dell’Istituto di accompagnare il VOTO di COMPORTAMENTO, MAI ABOLITO (DIVERSAMENTE DA QUELLO CHE ARTATAMENTE SI CONTINUA A SOSTENERE), con RUBRICHE DESCRITTIVE in termini di competenze sociali e civiche, è stata ritenuta come una AZIONE VALUTATIVA ALL’AVANGUARDIA, anticipatrice del nuovo scenario introdotto dal decreto attuativo sulla valutazione della Buona Scuola (D.lgs 62/2017che elimina, dal prossimo anno scolastico, il voto numerico nel comportamento).

Pertanto, l’IMPIANTO VALUTATIVO SEGUITO DALL’ISTITUTO già nel I Quadrimestre e illustrato nel precedente comunicato stampa non ha subito modifiche, ma per facilitare la comunicazione con i genitori e renderla il più trasparente possibile, anche alla luce delle note polemiche che hanno alimentato non pochi dubbi, abbiamo già da mesi (prima della più volte nominata visita ispettiva, avvenuta il 22 maggio u.s..) descritto ulteriormente le Rubriche, chiarito ancora meglio il rapporto voto- descrittore, in modo che siano di più semplice lettura e rendano chiaro il processo formativo di ogni alunno.

Quest’ultimo, quindi, HA IL PROPRIO VOTO REGISTRATO (come prevede la legge!) ALL’INTERNO DI UN DOCUMENTO DI VALUTAZIONE ORGANICO e COERENTE con gli OBIETTIVI di EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA (RUBRICA VALUTATIVA).

Infine, ci preme sottolineare che nessuno ha messo mano ai nostri documenti, non avevamo bisogno che ciò accadesse, perché siamo abituati a lavorare con onestà e per il bene dei nostri alunni, e non a parlare …..e basta.

Spiace comunque, in questa paradossale storia, che un gruppo ristretto abbia messo in atto una simile strumentalizzazione dell’intero Istituto, riducendo la scuola a “cavallo di battaglia” di questa o quella forza politica, per ergersi, poi, a presunti paladini di legalità e giustizia. Comprendiamo bene che i palcoscenici attirano e ammaliano, ma poi bisogna imparare a praticarli, per non rimanerne vittime.

Il presente comunicato chiude definitivamente, da parte nostra, l’intera questione.

Ci impegniamo, come Istituto volto ad educare e formarea proseguire sulla strada intrapresa, con l’auspicio di migliorare nei processi innovativi al servizio degli alunni e con la speranza di bandire del tutto, dai confronti tra componenti diverse, le inutili chiacchiere e le strumentali calunnie.       in allegato comunicato stampa

 

La Dirigente Scolastica

Prof.ssa Caterina Rosaria SCARASCIA

 

 

A proposito di voti…

La recente approvazione, il 7 aprile u.s., del Decreto concernente l’adeguamento della normativa in materia di valutazione e certificazione delle competenze degli studenti e degli Esami di Stato, che di fatto lascia inalterate le indicazioni del Dpr 122/2009 in termini di utilizzo del voto,  ha ridato vigore ai sostenitori dell’uso di un “ numero” per etichettare “persone”.

Di fatto, il quadro generale, sia normativo, sia psicopedagogico e docimologico, non cambia di una virgola.

Restano infatti le indicazioni normative sulla valutazione decimale, e come tali vanno rispettate, ma resta, al contempo, la norma che consente a tutte le scuole di ogni ordine e grado della Repubblica, di fare “sperimentazione, ricerca e sviluppo” (DPR 275/99), ed anch’essa va rispettata, in nome di quella autonomia funzionale delle istituzioni scolastiche che le rende  protagoniste del processo formativo, dato che le decisioni e le connesse responsabilità sono assunte dagli organi collegiali.                                         Il nostro Istituto sta cercando di contemperare le due istanze normative, adottando...(continua ...clicca qui)                                                                                                           a cura della Dirigente Scolastica prof.ssa Caterina Rosaria Scarascia

 

Allegato 1

"VOTI A PERDERE"  

 

Allegato 2

 "I VOTI E LE BOCCIATURE FANNO MALE AGLI STUDENTI E ALLA SCUOLA"

 

 

 

 

OLTRE IL VOTO C'E' MOLTO ALTRO 

di G. Cerini - già ispettore tecnico MIUR                                                           LA VITA SCOLASTICA n°9 - 2017

 

La discussione sul voto si fa sempre molto calda, sia per gli effetti delle novità legislative, sia perchè ci si avvicina al termine dell'anno scolastico.    ...sarà perchè la reintroduzione del voto nel 2008 è piaciuta a pochi insegnanti, ma si è rivelata anche una non facile scorciatoia per molti...mettiamoci poi l'accattivante meccanismo del registro elettronico, capace di scodellare una valutazioner che sembra "oggettiva " al millimetro; aggiungiamo infine le ansie dei genitori, alla ricerca di indizi semplici sul valore scolastico dei loro figli e capiamo come l'adozione di nuovi criteri di valutazione non sarà agevole.Apprezzare la progressione degli apprendimenti, definire i livelli attesi delle competenze, posizionare gli allievi in questa scala, promuovere comunque la fiducia nei loro mezzi, sono operazioni che richiedono una grande capacità di osservazione, di lettura dei processi , di interpretazione dei dati. E non c'è "media" che tenga, perchè la Valutazione non è una semplice misurazione... Serviranno rubriche di valutazione...(continua...)

"COPIONI" della COMUNICAZIONE di Anna Olivero Ferraris-scrittrice e psicoterapeuta                                                                                           (continua in seconda pagina...)

 

 

 

Voto in condotta via dalla scuola: il perché spiegato da un Dirigente Scolastico

12 Maggio 2017 - 13:13  di  Simone Micocci

https://www.forexinfo.it/voto-condotta-studenti-pagella-Dirigente-Scolastico

È sbagliato dare il voto in condotta? La decisione del Dirigente Scolastico di una scuola leccese fa discutere tra i genitori.

Ilvoto in condottasparisce dalla pagella e viene sostituito da un giudizio esplicativo: è successo in una scuola media di Supersano, in provincia diLecce.

Una decisione che ha suscitato non poche polemiche da parte deigenitori, ma il Dirigente Scolastico della scuola si difende dicendo che è sbagliato assegnare unvoto al comportamento, poiché gli alunni non sono numeri.

Una giustificazione che non è servita per placare gli animi dei genitori, i quali si sono lamentati con il Dirigente Scolastico anche per il mancato coinvolgimento nella decisione di cancellare il voto in condotta dallapagella.

Primo caso in Italia senza motivazioni”, dichiarano i genitori, “una decisione presa senza tener conto delle istanze di alcuni docenti, senza informare i genitori, rifiutando di ascoltare il loro pensiero e, in contrasto, con la normativa vigente”.

In realtà anche la “normativa vigente” sembra stia riconsiderando il valore del voto in condotta nell’ambito della valutazione; infatti, neldecreto attuativo sulla Buona Scuola che riforma i criteri per la valutazionedegli studenti, è stato eliminato il voto in condotta dai requisiti per l’ammissione all’esame di Terza Media.

Per decidere gli studenti meritevoli, infatti, sarà valutata la  frequenza scolastica, il livello di apprendimento  acquisito, e la presenza alle Prove Invalsi. Nessun altro criterio, come ad esempio il voto in condotta, saranno presi in considerazione.

Ecco perché la decisione della preside della scuola leccese di eliminare il voto in condotta dalla pagella non ci sembra così assurda come invece vogliono far credere i genitori.

Tra l’altro, le motivazioni alla base della sua scelta sono valide, poiché in linea con quello che è il nuovo orientamento del sistema scolastico italiano.                      

Come si calcola il voto in condotta?

Prima di vedere quali sono le motivazioni indicate dal Dirigente scolastico, approfondiamo i criteri per ilcalcolo del voto in condotta.

Il voto in condotta è il giudizio finale, espressione collegiale del Consiglio di Classe, sul comportamente tenuto dagli studenti nel corso dell’anno scolastico. Questo viene assegnato sulla base di alcuni criteri di valutazione specifici, quali:comportamento: atteggiamento dello studente, sia in classe che a scuola                                                             frequenza: il voto in condotta è calcolato tenendo in considerazione il numero di assenze fatte durante l’anno, ma anche le uscite e le entrate anticipate e posticipate;                    impegno: puntualità nello svolgimento dei compiti e assenze nei giorni delle verifiche e delle interrogazioni sono due criteri che rientrano nel calcolo del voto sul comportamento. È il MIUR, con le linee guida pubblicate nel 2009 a determinare i parametri per il calcolo del voto in condotta.

Tuttavia, la scuola leccese avendo avviato ad un percorso di Sperimentazione, Ricerca e Sviluppo è legittimata nell’assegnare un giudizio esplicativo sul comportamento al posto del tradizionale voto in condotta.

Via il voto in condotta dalla scuola: le motivazioni della Dirigente Scolastica

La Dirigente Scolastica si è difesa dalle accuse dei genitori specificando che in realtà il voto in condottanon è stato eliminato dalla pagella, ma solo sostituito.

Al posto della classica votazione in decimali, infatti, trova posto ungiudizio esplicativoelaborato sulla base dei livelli di competenza indicati sulla base dell’articolazione delCurricolo Socio Affettivoprevista dalQuadro europeo delle Competenze.

Insomma, il tutto è avvenuto nel pieno rispetto normativo, perché grazie a questa rubrica i genitori possono collegare il livello attribuito al loro figlio al voto numerico.

Assegnare un voto, però, avrebbe significato dare unnumero ad un alunno, in contrasto con quello che è il vero funzionamento del sistema di valutazione.

Come specificato dal Dirigente Scolastico, infatti, la valutazione è la sintesi di un processo che non si può riassumere in un numero. “Per questo ai decimali preferiamo un giudizio”, ha concluso la preside.     

 

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

 

Dall’Istituto Comprensivo di Botrugno-Nociglia-San Cassiano-Supersano i chiarimenti necessari dopo gli articoli di stampa apparsi 

I nostri alunni non sono un numero

La valutazione è la sintesi di un processo, per questo ai voti decimali preferiamo un giudizio

COMUNICATO STAMPA

Negli ultimi mesi l'Istituto Scolastico ha intrapreso delle scelte educative in piena coerenza con il PTOF (Piano Triennale Offerta Formativa) improntato alla valorizzazione dell'alunno come persona, essere unico e irripetibile.

Dopo un percorso di auto-aggiornamento, su proposta degli stessi docenti, è stato deciso di SOSTITUIRE (e non di eliminare) nella Scuola Secondaria di Primo Grado il voto in decimali del comportamento con un giudizio esplicativo richiamandosi alla rubrica valutativa strutturata per livelli di competenza e suddivisa in aree sulla base dell'articolazione del Curricolo Socio Affettivo, rispondente alle Competenze Sociali e Civiche previste dal Quadro europeo delle Competenze.                                           (http://www.comprensivobotrugnonocigliasancassianosupersano.gov.it/images/ptof/Rubrica_di_Valutazione_del_Curricolo_Socioaffettivo_2017.pdf)

Per mezzo di tale rubrica è possibile collegare i livelli al voto numerico

Rubrica e relativi livelli fanno parte integrante e sostanziale della Scheda di Valutazione di ogni singolo alunno. Tali scelte sono coerenti con il percorso di Sperimentazione, Ricerca e Sviluppo avviato dall'Istituto in ambito valutativo (DPR 275/1999), nel rispetto della funzione formativa e proattiva della valutazione soprattutto in presenza di fenomeni gravi quali il bullismo, senza per questo venir meno alle indicazioni del DPR 122/2009. 

http://www.comprensivobotrugnonocigliasancassianosupersano.gov.it/index.php?start=15

La valutazione del comportamento in questo modo si incentra su quello che l'alunno sa fare in termini relazionali, sociali, in termini di consapevolezza e gestione di sé.

Inoltre, offre l'occasione di valorizzare quelle esperienze di cittadinanza attiva in cui l'Istituto coinvolge le classi e i territori, come dimostra la positiva esperienza della Rete contro il Bullismo, costituita sui quattro comuni del Comprensivo dall’Istituto insieme alle amministrazioni comunali, ai genitori e alle parrocchie di Botrugno, Nociglia, San Cassiano e Supersano.

Le famiglie sono state informate di tali decisioni in occasione della consegna delle schede di valutazione del Primo Quadrimestre e la stragrande maggioranza ha espresso giudizio positivo sulle politiche della Scuola. Ampia documentazione sulle novità in fatto di valutazione è stata pubblicata sul sito della Scuola. 

http://www.comprensivobotrugnonocigliasancassianosupersano.gov.it/index.php/2015-07-01-13-58-45 

Gli incontri con i genitori, svoltisi successivamente, a cui si fa riferimento in alcune note diffuse agli Organi di Stampa, avevano per oggetto specifiche problematiche educative delle singole classi interessate e, comunque, hanno offerto l’occasione per un chiarimento in merito alla valutazione del comportamento.

È bene aggiungere che proprio durante questi incontri, grazie al positivo confronto con le famiglie, è stato possibile avviare dei percorsi di volontariato di cui sono protagonisti gli alunni di alcune classi, presso strutture socio assistenziali del territorio e presso la stessa Scuola per mezzo di attività di riordino delle biblioteche su due plessi di Supersano.

Esperienze realizzate grazie alla disponibilità dei genitori che, con la loro presenza, hanno consentito il lavoro dei ragazzi in orario extra scolastico, accompagnandoli presso le strutture e vigilando su di loro, dentro e fuori la Scuola.

Grazie a questa sinergia Scuola-Famiglia è stato possibile rispondere all’emergenza educativa riscontrata nelle classi incanalando le relazioni e i comportamenti verso dinamiche costruttive.

L’auspicio è quello di proseguire sul solco tracciato sinora contando sulla collaborazione di tutti,

delle famiglie e degli alunni, portando avanti una politica di crescita orientata alla costruzione

di una comunità educativa estesa alle componenti più attive e sane dei nostri territori

 

Tutto il resto sono solo inutili chiacchiere e strumentali calunnie rispetto alle quali ci si riserva di intervenire nelle sedi opportune.

 

 

Supersano, 11 maggio 2017                        La Dirigente Scolastica

F.to Prof.ssa Caterina Rosaria Scarascia

* Firma autografa sostituita a mezzo stampa,

                                                                                                                                                                                                           ai sensi dell’art. 3, comma 2 del D. Lgs. N. 39/93                           comunicato stampa (clicca qui)

                                                                                                                                                                       

 
 
 
 
 

       

PTOFOK

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.